Bene Ferenc

Da Wikisport.

IMMAGINI

Ferenc Bene, nato a Balatonújlak il 17 dicembre 1944, è stato un calciatore e allenatore di calcio ungherese, di ruolo attaccante. Bene trascorse la maggior parte della propria carriera all'Újpesti Dózsa, con cui giocò per 17 anni vincendo 8 campionato ungheresi e 3 Coppe d'Ungheria oltre a 6 titoli di capocannoniere del campionato ungherese. Con l'Újpesti Dózsa disputò un totale di 417 partite in campionato, nelle quali segnò 303 gol. In totale in nazionale disputò 76 partite segnando 36 reti, con la nazionale ungherese nel 1964 partecipò agli Europei in Spagna, conclusi al terzo posto e di cui fu capocannoniere con 2 gol a pari merito con il connazionale Dezső Novák e lo spagnolo Jesús María Pereda, e alle Olimpiadi di Tokyo, dove vinse la medaglia d'oro e il titolo di capocannoniere con 12 reti in 5 partite di cui 6 nella sola sfida contro il Marocco e una in finale contro la Cecoslovacchia. È tuttora il massimo realizzatore in una singola edizione delle Olimpiadi. Nel 1966 prese parte ai Mondiali in Inghilterra, dove realizzò una rete in ognuna delle 4 partite giocate, e nel 1972 agli Europei in Belgio, conclusi al 4º posto senza però segnare alcun gol nella fase finale e non disputando la finale per il 3º posto. Dopo essersi ritirato dal calcio giocato nel 1985, allenò le giovanili dell'Újpesti Dózsa e nella stagione 1992-1993 la prima squadra, che nel frattempo aveva cambiato il nome in Újpest FC. Il suo resta, comunque, un palmarès di tutto rispetto; Nella sua carriera conta 8 Campionati Ungheresi,3 Coppe d'Ungheria,1 Oro Olimpico a Tokyo 1964 con la nazionale ed a livello individuale vanta il titolo di Capocannoniere, per ben 6 volte,del Campionato Ungherese. Capocannoniere all'Europeo di Spagna 1964 e Capocannoniere dei Giochi Olimpici di Tokyo 1964. La sua grande qualità è la rapidità, alla quali abbina una serie infinita di finte e cambi di passo davvero difficili da leggere per gli avversari. Parte preferibilmente da destra per poi accentrarsi o sorprendere la difesa opponente con tempestivi inserimenti, eseguiti sempre a grande velocità. Anche per questo motivo indossa preferibilmente la maglia numero 7 (soprattutto in nazionale), anche se talvolta preferisce scendere in campo con il numero 9 sulle spalle. La sua capacità di non dare punti di riferimento lo rende un giocatore difficile da marcare, essendo in grado di svariare a piacimento su tutto il versante offensivo.
Seppure ami partire da lontano si dimostra freddissimo davanti alla porta denotando un grande senso del gol, che gli permette di essere sempre al posto giusto per la deviazione vincente. La sua straripante fisicità unita ad una grande classe lo rendono quasi un lusso per il campionato ungherese, ma la chiusura delle frontiere non gli consente in nessuna occasione di emigrare in occidente verso lidi più blasonati e redditizi. La sua grande passione per il calcio lo porta a continuare l'attività fino ai 41 anni vestendo le maglie di società minori ungheresi e quella dei finlandesi del Sepsi-78. Ferenc Bene è il classico esempio di un campione che a molti dirà poco, a causa della scarsa visibilità a lui concessa dalla sua nazione nel suddetto periodo. Le sue gesta ed i suoi numeri restano però nella storia e riassumono al meglio le assolute qualità di un giocatore per certi versi atipico, ma dal gol facile. Forse sull’oblio che lo ha avvolto almeno in parte pesano sia l’essere stato contemporaneo di un talento geniale come Albert, ‘Pallone d’oro’ nel 1967, sia l’aver vissuto la fase calante della storia di un movimento che ha dato lustro al calcio danubiano in generale ed a quello ungherese in particolare. Ma nemmeno queste ragioni storiche bastano per giustificare la sua assenza negli album dei ricordi, quando poi le statistiche e le classifiche dicono tutt’altro. Uno come lui, dal 1964 costantemente presente per anni nella graduatoria del ‘Pallone d’oro’, dove figura onorevolmente al sesto posto (subito dietro il ‘gemello’ Albert) nel 1966, merita ben più di qualche sporadico amarcord. Ferenc Bene si spegne, all’età di 61 anni, il 27 Febbraio 2006 a Budapest.

Fonti


  • Wikipedia
  • Allafacciadelcalcio.blogspot.com
  • Ungherianews.com