Ciclismo - Origini

Da Wikisport.

IMMAGINI

Le origini del Ciclismo


Le origini del Ciclismo posso essere fatte risalire al primo prototipo di qualcosa di simile ad una bicicletta che si può osservare a partire dal 1490 sul "Codice Atlantico" di Leonardo da Vinci, mentre sarà ad opera del francese Ozanam che nel 1691 costruirà un veicolo vagamente simile alla moderna bicicletta. Questo veicolo aveva due ruote, una piccola e una grande, sormontata da un rozzo telaio, un sedile posto in alto accanto a un tozzo manubrio. Un secolo dopo arrivò invece la costruzione del primo "celerifero" o "velocipede", in quanto il moto si otteneva spingendo a terra con i piedi che solo per tratti molto brevi si tenevano sollevati. I perfezionamenti che però condussero alla vera e propria bicicletta sono riconducibili all'invenzione di un meccanico inglese Birch che creò appositamente un telaio d'acciaio e, nel 1855, dall'aggiunta da parte di Michaux dei pedali. Sarà però il 7 dicembre del 1888 che Dunlop, dopo aver regalato al figlio una draisina, per eliminare i contraccolpi delle ruote, sperimentò e depositò il brevetto di una camera d'aria al posto delle rigide gomme piene (lo pneumatico). Questa sarà un'importante scoperta che rivoluzionerà di lì a poco non solo il mondo delle biciclette ma tutti i veicoli a ruote. La prima corsa ciclistica di cui si ha notizia si fa risalire al 31 maggio del 1868 nel parco di Saint Cloud a Parigi, dalla distanza di 1.200 m e che fu vinta dall'inglese James Moore, su una bici con ruote in ferro, mentre la prima corsa su strada che collegava due città fu la Parigi-Rouen, celebrata il 7 novembre 1869, in cui vinse con uno sprint sempre James Moore. Riguardo invece alla Federazione Ciclistica Italiana nacque con il nome di Unione Velocipedistica Italiana, a Pavia il 6 dicembre 1885 attraverso l'Unione di 17 società ciclistiche, mentre il Campionato Italiano su strada fu organizzato per la prima volta nel 1885 sul percorso della Milano-Cremona-Milano e fu vinto da Giuseppe Loretz. Nel 1896 venne corsa per la prima volta la Parigi-Roubaix e nello stesso anno il ciclismo venne inserito nel programma della prima Olimpiade moderna di Atene. Il primo grande giro, il Tour de France venne celebrato nel 1903, mentre il Giro d'Italia si corse per la prima volta nel 1909, dopo che erano già nate il Giro di Lombardia (1905) e la Milano-Sanremo (1907). Al 1921 risale invece il primo campionato mondiale su strada a Copenaghen, riservato ai corridori dilettanti, mentre nel 1927 sarà aperto anche ai professionisti.

  • Sport olimpico con competizioni individuali e individuali collettive

Vedere anche


Fonti


  • "Lo Sport, tra cultura e agonismo" di Daniele Masala - Soc. Ed. Universo - 2016