Equitazione - Origini

Da Wikisport.
Jump to navigation Jump to search

IMMAGINI

Le origini dell'Equitazione


Fin dall'antichità, la figura del cavallo è sempre stata considerata di superiore importanza, non fosse altro perché l'animale rappresentava un mezzo di locomozione sicuro e veloce, utilizzabile con profitto anche in caso di guerra. Sono però i popoli orientali a sviluppare un intenso rapporto con questo animale e a concepire per primi una sorta di addestramento. Il più antico trattato di allevamento e addestramento dei cavalli è stato attribuito al capo delle scuderie reali dell'imperatore dei Mitanni, un popolo dell'altipiano iraniano. Invece il più antico e più noto manuale in cui si tratta anche del modo di montare a cavallo è "Ipparchio" scritto da Senofonte nel IV sec. a.C., dove si descrivevano le nozioni fondamentali dell'equitazione e della cura del cavallo. Sarà però nel Medioevo che verranno inventati la sella e la staffa, questi due attrezzi che contribuirono alla diffusione del cavallo come mezzo cavalleresco. Nel 1530, invece Federico Grisono a Napoli, pubblicherà un'importante opera dal titolo "Gli ordini di cavaliere", che darà inizio all'Alta Scuola di equitazione. Mentre ad opera di Federico Capriolli, ufficiale della cavalleria e istruttore della Scuola di Pinerolo (TO), realizzerà il famoso "sistema naturale dell'equitazione" poi adottato in tutto il mondo. Il metodo risulterà essere molto rivoluzionario, in quanto verrà lasciata la massima libertà all'animale montato. Con il motore a scoppio però il modo di viaggiare cambierà radicalmente, tanto che dal 1900 in poi, l'equitazione perse la propria importanza e venne relegata al semplice ambito di attività ludico-sportiva. Nel 1926 venne invece fondata la FISE (Federazione Italiana Sport Equestri), mentre Torino ospiterà il primo concorso ippico nazionale organizzato dal 9 al 17 giugno del 1902.

  • Sport olimpico con 3 distinte e diverse competizioni agonistiche: il Dressage, il Salto ostacoli e il Concorso completo

Vedere anche


Fonti


  • "Lo Sport, tra cultura e agonismo" di Daniele Masala - Soc. Ed. Universo - 2016